fbpx
skip to Main Content

Sampdoria sceglie Biovitae: presentati a Genova i risultati del progetto “Sampdoria BioSafe”

Manolo Gabbiadini durante la conferenza di Sampdoria BioSafe

L’U.C. Sampdoria si schiera in prima fila nella lotta al Covid-19, e non solo. Nella mattina di giovedì 9 settembre, la società sportiva genovese ha  presentato alla stampa i risultati dei test del progetto “Sampdoria Biosafe” con il quale punta a creare uno standard di sanificazione per tutti gli ambienti del proprio centro sportivo attraverso Biovitae, la rivoluzionaria tecnologia di illuminazione microbicida no UV che propone un’azione di sanificazione continua e passiva. Presenti alla conferenza stampa Amedeo Baldari, responsabile sanitario U.C. Sampdoria, Gianni Melioli, direttore sanitario Alliance Medical, Mauro Pantaleo e Rosario Valles, rispettivamente presidente e direttore scientifico Nextsense.

Per la Sampdoria si tratta di un progetto molto interessante. Un ambiente controllato da un punto di vista microbiologico è determinante per poter lavorare in sicurezza per qualsiasi team sportivo.” – ha sotolineato Amedeo Baldari, responsabile medico dei blucerchiati –

Per  il professor Melioli che ha condotto i test  questi “hanno dimostrato che le lampade LED Biovitae sono in grado di controllare la contaminazione microbiologica con grandissima efficacia in qualsiasi tipo di ambiente.”

In particolare, i risultati del progetto hanno evidenziato che Biovitae in ambiente reale è in grado di raggiungere una percentuale di abbattimento della carica microbica superiore all’80%. L’inibizione della proliferazione microbica è indipendente dalla presenza di una luce diretta sulla superficie e avviene anche per «luce diffusa». Dunque, la tecnologia no UV Biovitae è un sistema sicuro di controllo delle contaminazioni, un reale valore aggiunto per tutti i tipi di ambiente.

La Sampdoria ha deciso di offrire a tutti i propri dipendenti la massima garanzia di salute e benessere. E, a seguito di una attenta ricerca sulle varie tecnologie di sanificazione esistenti sul mercato, la scelta è ricaduta su Biovitae. I centri sportivi rappresentano, infatti, un terreno molto fertile per la diffusione delle infezioni, dalle comuni infezioni respiratorie e gastrointestinali per finire proprio a quelle legate al Coronavirus. Sono infatti ambienti assiduamente frequentati, con forte promiscuità nelle diverse aree, quali spogliatori, ristoranti, servizi igienici con l’impossibilità di poter sempre utilizzare gli ordinari strumenti di prevenzione quali gel, mascherine, ecc..

I risultati dei test condotti da vari laboratori pubblici e privati nel mondo hanno inequivocabilmente confermato l’efficacia di Biovitae su tutti i batteri e su molte specie virali incluso il Sars-Cov-2 (abbattimento del 99,8% del Coronavirus in pochi minuti).

Biovitae è il primo e unico dispositivo brevettato e testato efficace su virus e batteri con tecnologia all-in-one che illumina e sanifica.” -racconta Valles – “La nostra sfida è stata quella di inventare un sistema di sanificazione e prevenzione in grado quindi di essere utilizzato durante tutte le attività di vita quotidiana senza alcun rischio per persone e animali e quando il rischio della carica microbica è più elevato.”

Ringraziamo la Sampdoria per aver dato fiducia a Biovitae e di permetterci di partecipare ad un progetto così importante che mette al centro la salvaguardia della salute degli atleti e di tutto lo staff tecnico, amministrativo e logistico. Un ulteriore riconoscimento del nostro impegno alla lotta alle infezioni” dichiara Mauro Pantaleo, presidente Nextsense.

I prossimi step del progetto “Sampdoria Biosafe” prevedono l’installazione dei dispositivi sanificanti Biovitae nelle strutture sportive e negli altri spazi di proprietà della società (uffici, spazi logistici) e precisamente:

  • Locali attuali del Centro Sportivo Mugnaini di Bogliasco (GE) e le altre strutture collegate (CasaSamp, foresteria e uffici Bogliasco) e quelli attualmente in costruzione (piscine, palestre, uffici, spazi tecnici, sale riunioni, ristorante, sala relax, magazzini, ecc) all’interno dell’area del centro sportivo;
  • Locali dello stadio Luigi Ferraris di Genova (spogliatoi, lounge, area stampa, altri spazi vari e diversi chiusi)
  • Uffici della società presso il grattacielo di Corte Lambruschini in piazza Borgo Pila 3 a Genova

 

Back To Top